a cura di Antonio Zama

ECOMMERCE: addio alla zona di conforto

Presentazione

Il webinar è diretto principalmente a:

  • Imprenditori che vedono oltre la siepe
  • Talenti di startup che pensano a costruire su solide fondamenta
  • Collaboratori dell’imprenditore che vogliono valorizzare il proprio ruolo
  • Avvocati che desiderano abbandonare i modelli contrattuali
  • Esperti di marketing che curano tutti i dettagli
  • Curiosi del web che ragionano al di là dei numeri

Ecommerce: addio alla zona di conforto

Il corso ha l’obiettivo di affrontare gli aspetti “legali” dell’ecommerce B2C e B2B da un punto di vista diverso, privilegiando un approccio orientato alla reputazione e al marketing, per cercare di capire le opportunità da cogliere.

Il relatore risponderà alle seguenti domande:

  • come può essere “sfruttato” il sito web aziendale per gestire i rapporti con i clienti?
  • quali sono i contenuti giuridici da pubblicare sul sito web aziendale?
  • quali modalità possiamo utilizzare per comunicare questioni giuridiche delicate con gli ospiti del sito?
  • quali errori dobbiamo evitare nel redigere i testi?

ARGOMENTI TRATTATI:

  • Dati, scenari e strategia: il sito web non passa di moda
  • Canali: va bene il B2C ma non dimentichiamoci il B2B
  • Documenti/pagine: quali non perdersi per strada
  • Clausole: facciamo una piccola mappatura
  • Linguaggio: perché vale la pena abbandonare la zona di conforto
  • Esempi: vediamo cosa bolle in rete

***

L’ecommerce è il messaggio e l’avvocato non è il suo guru. Vediamo come si può organizzare e redigere i documenti a contenuto “legale”. Non c’è niente di peggio di un ecommerce sprecato. Va bene fatturare ma perché accontentarsi della fetta di torta quando la possiamo avere tutta intera? Vediamo come. Vendere on line e fare ecommerce è un’avventura entusiasmante. Vale la pena di renderla un’opportunità, oltre che commerciale, anche reputazionale, con benefici evidenti per il brand (e non solo). Nell’ecommerce le reticenze/omissioni emergono agevolmente: l’identificazione quello che dici e come lo dici=quello che sei, è immediata e duratura. In quest’ottica i contenuti giuridici – tradizionalmente trascurati e gestiti con il “copia-incolla” – sono importanti tanto quanto la scheda dei prodotti. Anzi direi che sono vitali per veicolare il messaggio del titolare, non solo per rispettare requisiti di legge, e per rafforzare nel bene (o nel male!) l’immagine e la reputazione dell’imprenditore e quello che chiamiamo buon nome commerciale. Ciò vale per tutte le pagine, dalle condizioni generali, alle avvertenze di utilizzo, dalla guida per l’acquisto, alla informativa per il trattamento dei dati personali. Se ci pensiamo bene non si tratta solo di essere chiari e trasparenti, di rendere cioè quel testo agevolmente comprensibile dagli ospiti/clienti ma di fare in modo che quel testo sia davvero espressione dell’identità del titolare dell’ecommerce. Che è unica. Attenzione, vale sia che si tratti del sito web aziendale sia che si abbia a che fare con la pagina del social network, l’app da scaricare e la propria sezione del marketplace: ovunque una pagina sia associata al nostro ecommerce. Allora propongo di applicare la regola delle 3C, vale a dire:  Comunicazione, prima di scrivere occorre sapere quale messaggio comunicare che non è solo “legale”! difficilmente però chi si occupa di redigere i testi, sia l’avvocato che il personale interno, si pone questa domanda. Normalmente si pensa agli aspetti giuridici: consegna, garanzia, diritto di recesso e responsabilità. È sufficiente? No e non è solo questione di un’opportunità persa. È proprio un pezzo che manca. Come chi pensa che fare ecommerce sia trasferire il negozio fisico on line. Creatività, sia come contenuto dei documenti sia come obiettivo di utilizzare modi diversi per dire le stesse cose, ad esempio sfruttando il sistema delle domande/risposte per le condizioni generali e per l’informativa privacy (ricordate le “vecchie” FAQ, ancora oggi utilizzate per spiegare come funziona il sito, come farsi spedire la merce, ecc.?). Anche perché nell’ecommerce andiamo verso una parcellizzazione e dispersione dei contenuti legali in pagine e strumenti diversi (pop up, messaggi email, forma, ecc.). Condivisione, come necessità di creare un team composto da tutti gli attori: non lasciamo solo l’avvocato … mettiamogli a fianco coloro che si occupano di webmarketing e di comunicazione e soprattutto coloro che quotidianamente dovranno gestire l’ecommerce. In definiva, distorcendo un po’ la ben nota nozione di McLuhan: è ora che ci convinciamo che il “contratto” on line è il messaggio. E che su questo messaggio si gioca il futuro del nostro ecommerce.

Di tutto questo e di tanto altro parlerò nel mio webinar in programmazione il 25 maggio (15-16.30): vi aspetto!

IUSGATE TEAM-Antonio in studio-1

PRESENTAZIONE RELATORE

ANTONIO ZAMA, Avvocato e direttore responsabile di Filodiritto. Lavora con gli imprenditori, cerca soluzioni creative Per vocazione collaboro con imprenditori e cerco di frequentare più aziende che tribunali. Credo nella consulenza agli imprenditori sin dal concepimento del progetto (no non c’entra con la privacy by design). Sono convinto che dalla consulenza legale possano nascere opportunità per l’imprenditore e per l’impresa (sì proprio opportunità e no non esagero). Negli ultimi anni sono stato coinvolto, anche sul piano strategico, in progetti che mi hanno consentito di approfondire, in particolare, i seguenti temi: privacy nelle imprese di tutte le dimensioni e di diversi settori; aspetti legali connessi all’ecommerce, al business on line e alle nuove tecnologie, dalla stampa 3D all’rfid; disciplina delle start up e del crowdfunding; contrattualistica, in special modo, in materia di ser vizi on line, appalto, trasporti, software, distribuzione, agenzia; disciplina della responsabilità da reato degli enti (231/2001).

Domande Frequenti

Ti basterà effettuare il login cliccando QUI

Una volta effettuato il login vai nella pagina “I Miei Corsi” e potrai vedere tutti i corsi da te acquistati.

Di cosa ho bisogno per partecipare ai webinar? Hai bisogno di un computer (o un tablet o uno smartphone) e di una connessione internet stabile(attenzione che a volte il wi-fi o le connessioni via usb non sono molto stabili), meglio se via cavo (anche l’ADSL casalinga va bene!). Noi ti consigliamo di utilizzare auricolari o cuffie se sei in uno spazio rumoroso.

Prima di ogni sessione prepara: – Carta e penna per prendere appunti – Un bicchiere d’acqua (non vorrai certo alzarti e perderti qualche passaggio, vero – Comunica a chi ti circonda di non disturbarti

Assolutamente sì, al termine dell’acquisto verrà inviata al sistema di interscambio entro 10 giorni.  Ricorda di inserire tutti gli estremi di fatturazione al check out! Per qualsiasi problema scrivi a segreteria@webinarpro.it

Scrivici a academy@filodiritto.com